“Educazione alla cittadinanza” a scuola- Proposta di legge di iniziativa popolare

Da Associazione Italiana Genitori A.Ge. Onlus su indicazione di Age distrettuale di Thiene

L’iniziativa è dell’ANCI – Associazione Nazionale Comuni Italiani, e prende le mosse dalla costatazione dell’indebolirsi dei valori sociali, civici, di convivenza e di rispetto e della scarsa conoscenza sul funzionamento della gestione della “cosa pubblica” (res-publica).

Imparare ad essere cittadini non è qualcosa di scontato, e significa apprendere i valori della “buona educazione”, del rispetto, della responsabilità, della legalità.

Tale “apprendimento” avviene in modo formale – fa parte delle indicazioni nazionali della scuola, dovrebbe permeare ogni singolo insegnamento –, in modo informale – nelle esperienze di socialità e di convivenza che i nostri figli vivono al di fuori della scuola: associazioni, sport, gioco, ecc. – e ancora in modo informale, nell’educazione familiare, nel vivere
quotidiano delle nostre famiglie.

La proposta dell’ANCI vuole riaffermare con forza la necessità di un vero percorso di apprendimento dei valori civici, di rispetto per le persone e per le cose, di conoscenza delle strutture preposte al governo della cosa pubblica. A ciò si aggiunge un campo totalmente nuovo legato allo sviluppo delle nuove tecnologie di comunicazione, che richiede urgentemente l’apprendimento di modalità di uso, di capacità di attenzione e di rispetto verso gli altri: troppe situazioni, anche estreme e dolorose, hanno alla base la superficialità dell’agire d’impulso o “senza pensare alle conseguenze”.

La responsabilità individuale è indispensabile nella convivenza di ogni società, gruppo, classe, associazione, squadra, famiglia …. Comprendere ed esercitare la responsabilità pone le basi di un vivere comune che superi l’individualismo, il menefreghismo, il “che mi importa”, atteggiamenti che troppo spesso poi sfociano in intolleranza e violenza, anche solo verbale.

Per aderire occorre andare presso il proprio Comune, chiedere di firmare per l’adesione. Ogni Comune ha il fascicolo relativo, anche se magari … sepolto sotto altri …. Insistete perché … ne vale la pena … In allegato trovate la proposta di legge, un sunto sotto forma di slides, alcuni comunicati stampa o articoli di giornale e il volantino di AGe Thiene.
Sul sito www.anci.it si possono trovare i moduli per le firme, il Vademecum, e altre notizie utili.

Il testo della proposta di legge  

Le slide della proposta di legge

Locandina 

Progetto Pedibus nelle Scuole Primarie – Due percorsi… quasi pronti

Cari Genitori,

i questionari compilati dalle famiglie delle scuole primarie interessate al progetto Pedibus, e raccolti lo scorso anno scolastico dall’Amministrazione Comunale, hanno riscontrato una buona adesione in termini di iscrizioni da parte dei bambini, verso questo modo di andare a scuola in maniera divertente, sostenibile e salutare.

Il Pedibus infatti, è un’attività che oltre a far camminare i bambini, sottoposti sempre di più ad una vita sedentaria, li spinge a socializzare e fa conoscere loro il territorio in cui vivono.

Al momento sono due i percorsi che si potrebbero concretizzare: Rosà est – zona passaggio a livello (oltre 30 bambini interessati e 3 accompagnatori adulti) e nella frazione di S.Anna (circa 15 bambini interessati e n.3 accompagnatori).

Cosa manca quindi per dare inizio a questo bellissimo serpentone colorato che porta a scuola ogni mattina?

Servono almeno altri due/tre accompagnatori (genitori, nonni…) in entrambi i percorsi per garantire il servizio tutto l’anno e fare una turnazione dei volontari.

Il Pedibus prevede il servizio di andata e ritorno ed alcuni volontari si sono resi disponibili per la sola andata o solo ritorno.

La regola d’oro è sempre la stessa… più siamo e meglio distribuito sarà l’impegno per tutti.

Chi avesse la possibilità di contribuire e partecipare al Pedibus, può scrivere a:

  • mail: agescuolerosatesi@gmail.com
  • telefono: inviare un messaggio al n.3474642469 (verrete poi ricontattati)

Grazie anticipatamente per la vostra collaborazione!

Associazione Genitori

Film documentario “Cresceranno le siepi – Storie di contadini che amano la terra”

Dimitri Feltrin è il regista del documentario “Cresceranno le siepi – Storie di contadini che amano la terra.”
Il film, parla di una nuova agricoltura, basata su ecologia, sostenibilità, qualità dei prodotti e rispetto della salute, raccontata da una dozzina di contadini veneti e ferraresi, che hanno abbracciato il modello dell’agro-ecologia. Principi condivisi si traducono in pratiche concrete e quotidiane di donne e uomini che, con il loro lavoro, stanno trasformando le campagne, riportandole a vivere una vita nuova, dimostrando così il proprio amore per la terra e per le persone. Il film gode, tra gli altri, del patrocinio di Slow Food del Veneto, Firab e Aveprobi.
 
di seguito il trailer:

 
Questo è il sito del film: www.crescerannolesiepi.it
 
Il giorno martedì 08 maggio, alle ore 20, il film sarà proiettato al Cinema Metropolis di Bassano del Grappa.
Affinché l’evento venga confermato, è necessario raggiungere la prenotazione di 40 partecipanti entro il 30 aprile 2018:
 
potete prenotare subito i vostri biglietti a questo link: http://www.movieday.it/event/event_details?event_id=1544
 

Non mancate!

Giovedì 19 aprile – Emozioni nella pre-adolescenza

Locandina_serata_del_19_4_2018

Anche quest’anno, il Comitato dei Genitori dell’Istituto Comprensivo Marostica – in collaborazione con i responsabili del progetto Lions Kairós – organizza per giovedì 19 aprile un’imperdibile serata dedicata a TUTTI e condotta dal Dottor Loris Corò, coordinatore dello studio IF di Thiene (VI) e membro del Laboratorio Pilota Lions Kairós, coadiuvato dalle Dottoresse Barbara Frigerio e Lara Danzo.

L’incontro si svolgerà presso l’Aula Magna della sede principale dell’Istituto Comprensivo Marostica, in via Natale dalle Laste, 2, Marostica (VI) e il tema sviluppato sarà il seguente:

  

EMOZIONI nella PRE-ADOLESCENZA

“Dialogo a due voci per capirle e gestirle”

Durante la serata, potremo approfondire il tema delle emozioni che, nella fase delicata della pre-adolescenza, coinvolgono i nostri figli quotidianamente in un’altalena di situazioni negative e positive.

La formula scelta quest’anno ci aiuterà a riconoscere queste emozioni per poterle poi capire e gestire al meglio nel coinvolgente e complesso ruolo di genitori.

Ingresso libero

 

Lunedì 16 aprile – IL CLIMA CHE VERRA’ con LUCA MERCALLI

Stampa

Il COORDINAMENTO DEL GREEN TO SCHOOL 2018, nell’ambito del progetto finanziato dal Ministero dell’Ambiente denominato GREEN TO GO, è lieto di invitarvi al secondo evento del percorso triennale 2018-2020 Conferenza:

IL CLIMA CHE VERRA’
Prepariamoci ad una Mobilità più sostenibile
Lunedì 16 aprile 2018, ore 20.30
Sala Jacopo Da Ponte, P.le Cadorna 34, Bassano del Grappa (Vi)
Relatore:
LUCA MERCALLI
meteorologo, climatologo, famoso divulgatore scientifico e personaggio televisivo,
Presidente della Società Meteorologica Italiana

Lunedì 12 marzo – Incontro “Inquinamento e salute dei bambini”

2018-03-12_inquinamento_salute_bambini

Il COORDINAMENTO DEL GREEN TO SCHOOL 2018

nell’ambito del progetto finanziato dal Ministero dell’Ambiente denominato GREEN TO GO, vi invita al primo evento del percorso triennale 2018-2020:

 
Convegno:
INQUINAMENTO E SALUTE DEI BAMBINI
Cosa c’è da sapere, cosa c’è da fare
 
lunedì 12 marzo 2018, ore 20.30
 
Auditorium Vivaldi, via Monte Pertica 1, San Giuseppe di Cassola (Vi)
 
 
Relatori:
 
dott.ssa LAURA TODESCO
Pediatra di famiglia, ACP (Associazione Culturale Pediatri)
Pediatri per un mondo possibile
 
dott. GIACOMO TOFFOL
Pediatra di famiglia, ACP
Pediatri per un mondo possibile
Membro del Direttivo Regionale Veneto di ISDE (International Society of Doctors for the Environment). Vicepresidente della sezione di Treviso
 
Presenteranno la seconda edizione aggiornata del libro che dà il titolo al convegno scritto da Laura Todesco, Giacomo Toffol e Laura Reali. 
 
Seguirà dibattito con il pubblico.
 
– – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
Il pediatra è il naturale riferimento per i genitori alla ricerca di informazioni aggiornate e scientificamente provate sull’impatto che l’inquinamento può avere sulla salute dei propri bambini. La seconda edizione di Inquinamento e salute dei bambini: cosa c’è da sapere, cosa c’è da fare, a cura del gruppo Pediatri per un Mondo Possibile dell’ACP (associazione culturale pediatri) , vuole fornire ai pediatri di famiglia, ai medici di medicina generale e agli specialisti , ma anche a genitori ed educatori curiosi, un documentato e aggiornato strumento di formazione sul tema. Il problema dell’inquinamento è affrontato nelle sue varie declinazioni, da quello atmosferico a quello acustico, da quello dell’acqua a quello del cibo, dagli studi sulle radiazioni ultraviolette ed elettromagnetiche all’uso dei prodotti per l’igiene. Particolare attenzione è prestata alle conseguenze del cambiamento climatico. Il volume è chiuso da un capitolo dedicato alla Percezione del rischio nell’era globale, indispensabile per decifrare i diversi atteggiamenti che vengono assunti nei confronti delle tematiche ambientali e di salute.
 
COS’E’ L’ASSOCIAZIONE CULTURALE PEDIATRI:
 
L’Associazione Culturale Pediatri www.acp.it  , attiva dal 1974, è una libera associazione cui aderiscono 1.400 pediatri italiani suddivisi in 35 gruppi locali, finalizzata allo sviluppo della cultura pediatrica ed alla promozione della salute del bambino.
Ha un codice etico che vieta qualsiasi forma di collaborazione con industrie del farmaco e industrie di latti e cibi per l’infanzia; svolge attività editoriale, di formazione e di ricerca, rigorosamente no profit. E’ impegnata in attività di formazione, ricerca, informazione dell’educazione sanitaria, definizione di protocolli diagnostico-terapeutici e valutazione della qualità delle cure e supporto a programmi di cooperazione internazionale. Si interessa in modo particolare di disuguaglianze nella salute dei bambini e degli adolescenti, salute mentale, ambiente e salute, sostegno alla genitorialità. Dal 1999 insieme al Centro per la Salute del Bambino ed all’Associazione Italiana Biblioteche, ha dato vita al progetto Nati per Leggere, mirato alla promozione della lettura ad alta voce rivolta ai bambini fin dalle prime età della vita. Dal 2005 ha inoltre promosso Nati per la Musica, progetto per la diffusione della musica da 0 a 6 anni che nel 2007 ha ottenuto il patrocinio del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
 
Nel 2005 al suo interno nato il gruppo “pediatri per un Mondo Possibile”, coordinato dal dott. Giacomo Toffol, che si occupa del rapporto tra salute dei bambini e malattie ambiente-correlate.
 
 
Link di approfondimento:
 
 
 
ISDE (International Society of Doctors for the Environment) www.isde.it
 
Un Pediatra Per Amico www.uppa.it

 

Venerdì 12 maggio – “Fiera dello sport “allo stadio di Rosà

2016-05-10-0636391

PROGRAMMA

ore 08:45
– Sfilata delle Classi
– Saluti alle Autorità

ore 09:15
– Inizio giochi

ore 12:00
– Termine Manifestazione

DIVISA

– Calzoncini
– Maglietta colorata del Plesso
– Bandana o cappellino

Sono invitati genitori, nonni e zii per applaudire i loro piccoli
(per permettere uno svolgimento ordinato e regolare della festa,
si chiede di sostenere i propri cari nei settori a loro assegnati)

In caso di maltempo la manifestazione verrà annullata.

GIOCHI

Gioco Atletica
Percorso di Ginnastica Artistica
Ginnastica Ritmica
Percorso di Karate
Mini Basket
Mini Volley
Mini Hockey
Mini Rugby
Baseball
Scuola Calcio
Hip Hop
Yoga
Pesca
Ciclismo
Karting
Tiro alla fune
Ruba bandiera
Corsa con i sacchi
Palla avvelenata

PUNTO DISTRIBUZIONE ACQUA

Agli alunni di tutte le classi sarà gentilmente offerta l’acqua in bottigliette da 0.5L . 

I Rappresentanti o genitori delegati, potranno ritirare il materiale per la propria classe nel punto di distribuzione presente all’interno dello stadio, dopo le ore 9.15.

Referenti di Associazione Genitori nel punto di distribuzione che consegneranno le confezioni d’acqua, già suddivise per classe, ai Rappresentanti:

  • Allegro Chiara – Polo Scolastico
  • Gastaldello Sonia – S.Anna
  • Ederle Lorella – Rosà Capoluogo
  • Marin Chiara – Travettore

Teatro Montegrappa, martedì 11 Aprile, ore 21 – “La mia vita da zucchina”

20170228232814

Martedì 11 Aprile, alle ore 21:00, presso il Teatro Montegrappa proiezione del film:

“La mia vita da zucchina”

Zucchina – così lo chiama la mamma, anche se il suo vero nome è Icaro – ha 9 anni e, dopo un incidente, perde la mamma. Del papà, nessuna traccia: lo ha abbandonato da tempo. Un poliziotto accompagna il povero Zucchina in una casa-famiglia. All’inizio, resterà chiuso nel proprio dramma, poi, lentamente, si aprirà alla vita della piccola comunità di orfani nella quale è capitato.

Finché un giorno il poliziotto, che non aveva mai smesso di andarlo a trovare…

La mia vita da zucchina, tratto dall’omonimo libro di Gilles Paris, trasposto cinematograficamente da Claude Barras e adattato da Céline Sciamma, possiede la grazia e la forza poetica che solo i piccoli capolavori possono vantare. In maniera semplice, senza mai scadere nella tragedia o nella retorica, racconta il dramma di questo bambino, il suo dolore, il suo spaesamento quando viene portato nella casa-famiglia.

Qui il film diventa anche il ritratto di questa istituzione che tenta di ricostruire, attorno a un’infanzia maltrattata e duramente provata, un ambiente famigliare, affettuoso e accogliente. Così conosciamo la giovane coppia che lo gestisce e la direttrice, solo in apparenza rigida e severa…

Da non perdere 

Le emozioni degli errori raccontati dalla dott.ssa Daniela Lucangeli: il nostro reportage

Nell’Auditorio Vivaldi stracolmo di gente, la serata di martedì 13 dicembre 2016, è iniziata con una breve introduzione da parte del Dott. Miotello, responsabile del Centro di Neuroscienze di Rosà, che ha sottolineato come spesso ci siano casi di bambini che pure non rientrando in specifici casi di DSA, facciano fatica a “decollare” nel loro percorso di apprendimento scolastico e come dalle ultime ricerche sia emerso che la sfera emotiva sia implicata in questo processo.

E’ stata presentata poi, la relatrice Dott.ssa Lucangeli, una delle 52 scienziate ricercatrici mondiali che operano nell’area del neurosviluppo, che prendendo la parola ha catturato per due ore l’attenzione di un pubblico, composto come è risultato poi, per la maggioranza da insegnanti.

Dopo un primo esperimento introduttivo su come anche abbracciare un perfetto sconosciuto per 30 secondi (nel nostro caso il vicino di sedia) predisponga con la produzione di ossitocina, all’accoglienza e all’apertura verso i nostri simili, la Dott.ssa Lucangeli è entrata nel vivo della conferenza.

A seguito sono elencati i passaggi più salienti, anche se è difficile trasmettere l’incisività e la dialettica della professoressa.

Gli errori sono inevitabili…ed è inevitabile che l’errore sia collegato a sofferenza. Gli errori determinano sofferenza nella memora e questo perché la sofferenza è legata alle persone significative che interpretano il mio errore.

L’errore, lo sbaglio, attiva tre circuiti neuroelettrici:

  1. Cosa è accaduto
  2. Chi lo ha determinato
  3. Che effetti ha avuto

Premesso che gli insegnanti sono responsabili del 48% del potenziamento neuronale che può avvenire in un bambino: “L’insegnante si può definire come colui che trasforma ciò che non siamo ancora, nel meglio di ciò che noi saremo nel futuro”.

La scuola può aiutare a sfruttare al meglio i nostri talenti o perdere il meglio di tali doti.

Collegamento dell’intelligenza con le emozioni:

Il cervello può essere definito come un “ribollitore chimico” che produce energia; al suo interno miliardi e miliardi di neuroni generano continuamente onde celebrali misurabili. Di notte dormendo, queste onde hanno intensità di 6 Hz, svegli di 9 Hz, mentre siamo impegnati in uno sforzo per imparare qualcosa di difficile raggiungono gli 11 Hz ….ma se passa un’emozione, il cervello registra un picco immediato dell’energia biochimica a 30Hz!Anche una sola goccia di emozioni genera una cascata di eventi fisiologici e mentali (accelerazione del battito cardiaco, sudorazione delle mani, ecc.) che fanno cambiare le potenzialità di reazione dell’individuo. Sono le emozioni che decidono cosa deve essere stabilizzato nella memoria autobiografica del sé.

La memoria ha tante e diverse funzioni, modalità d’azione e durate. La memoria episodica ad esempio è una memoria breve: quando vado al supermercato so dove ho parcheggiato l’auto, ma non lo ricordo dopo poco che sono uscito dal posteggio.

La nostra memoria breve è strutturata per eliminare in fretta la “spazzatura”. Non si può pensare che un bambino accumuli nozioni di cinque ore scolastiche più tre ore di compiti! Se il suo cervello è normale è ovvio che lo “sputerà fuori”.

Per insegnare nozioni a lungo termine, la memoria deve stabilizzare l’argomento fatto prima di effettuare i passi successivi.

L’attenzione…. in tutti, è selettiva a ciò che serve al nostro focus, al nostro obiettivo. Essa può essere stimolata con pochi compiti per casa, ma con focus ben precisi. E’ importante rendere plastiche le aree di strategia dell’attenzione del bambino.

La scuola per modificare le reti della struttura neuronale del bambino, deve riorganizzare la memoria a lungo termine. L’insegnante dovrebbe valutare l’apprendimento dell’alunno, non dalla verifica della prestazione, ma dal flusso di informazioni che permette l’apprendimento del successivo argomento.

I principali processi cognitivi vanno in tre sensi:

  1. Da FUORI a DENTRO (imparo)
  2. Da DENTRO a FUORI (insegno)
  3. Da DENTRO a DENTRO è il processo principale: quello che ascolto deve essere collegato alle reti neuronali presenti nel mio cervello decidendo cosa tenere nella mia memora a lungo termine.

La memoria a lungo termine fissa anche ciò che contiene l’errore.

Ad esempio nella memoria dei significati delle parole, se io a “bottiglia” non ho associato solamente quell’oggetto, ma ad esempio per affinità di contenere liquidi gli ho associato anche l’oggetto bicchiere, quando io dovrò rappresentare graficamente l’elemento bottiglia, comparirà anche l’errore disegnando anche il bicchiere.

Bisogna evitare di fissare nella memoria a lungo termine quello che contiene “l’errore”.Quando i bambini fanno giusto un compito è corretto fargli fare esercizio per mettere in memoria, ma quando un bambino fa un errore nell’eseguire un esercizio, PRIMA si toglie l’errore, e POI si fa fare ulteriore pratica.

Il dolore: quando ad una azione corrisponde un dolore fisico non occorre ripeterla.

La memoria del dolore agisce sulle memorie permanenti che operano per evitare il dolore futuro.

Se un bambino nell’imparare le tabelline, facendo 7×7 sbaglia e contemporaneamente sperimenta la PAURA (che genera in lui una cascata di reazioni mentali e corporee), ogni volta che dovrà eseguire 7×7 non andrà solo a pescare il risultato dalla memoria a lungo termine, ma anche dalla memoria dell’errore la sofferenza, e questo genera un cortocircuito emozionale. La memoria ricorda molto di più la paura che il risultato di 7×7.

L’insegnante dovrebbe essere di aiuto a togliere l’errore che è stato messo nel circuito dell’allievo. Importante è togliere il senso di colpa dell’errore e non sottolineare l’errore altrimenti si stabilizza in memoria.

La nostra memoria autobiografica è composta da cosa ci ricordiamo, cosa sentiamo di noi stessi. La formazione dell’immagine di sé, ossia per sapere come sono, ho bisogno di uno “specchio”, che è costituito dai rimandi degli altri. Sono gli altri che mi danno la mia percezione.

Gli altri si intendono le figure significative, le figure emotive che ci fanno decidere se considerarci benefici o nocivi alla propria vita.

L’insegnante, l’educatore in generale, non deve essere elemento di sofferenza e di dolore ma deve dare fiducia, aiuto, supporto. Deve rovesciare le emozioni che danneggiano il ragazzo.

Le peggiori emozioni sono la paura, che deve essere trasformata in incoraggiamento, e il senso di colpa, che deve essere trasformato in perdono, altrimenti si innesca il circuito del giudizio. Il processo di giudizio non va bene per la scuola, va bene per i tribunali.

Io non giudico e non sono giudicato.

Giocando con le parole…

PER – DONO PER – REGALO REGALO – PER

Il perdono è un regalo per entrambi gli elementi …per chi lo dà e per chi lo riceve.

L’emozione del perdono resetta tutte le emozioni e la vulnerabilità del bambino.

Scritto da Lubian Paola

13 Dicembre – LE EMOZIONI DEGLI ERRORI: QUANDO SBAGLIARE CONDIZIONA L’APPRENDIMENTO

SERATA FORMATIVA con la dott.ssa Daniela Lucangeli
Professore Ordinario di Psicologia dello sviluppo Università di Padova
Martedì 13 Dicembre 2016
Ore 20.30
Auditorium A. Vivaldi
Via Monte Pertica, 1
San Giuseppe di Cassola (VI)
Sbagliare a scuola è inevitabile così come affrontare i richiami degli insegnanti o fare i conti con brutti voti da mostrare poi ai genitori.
Tuttavia se per molti le esperienze di insuccesso nell’apprendimento costituiscono occasioni per i riflettere e migliorare, per altri gli errori attivano emozioni negative, difficili da tollerare.
Spesso senza che ce ne rendiamo conto, queste emozioni si nascondono nella memoria, attivano dolore e continuano a penalizzare il percorso scolastico.
La prof.ssa Lucangeli grande esperta di apprendimento, tratterà questo tema alla luce delle più i recenti evidenze scientifiche, portando esempi concreti tratti dalla sua vasta esperienza clinica.
 
20.30 Saluto Autorità
20.45 Introduce e modera Piergiorgio Miottello Neuropsichiatra Infantile
 
Per genitori, insegnanti e professionisti dell’età evolutiva.
 
La partecipazione è gratuita.
 
Iscrizione obbligatoria: info@neuroscienzerosa.it; Tel.0424 582375
Iniziativa a cura del Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età Evolutiva di Rosà in collaborazione con
Polo Apprendimento del Veneto e Rete Territoriale Scuole Bassano del Grappa Asiago.
Con il Patrocinio Associazione Culturale Pediatri “Jacopo da Ponte” di Bassano del Grappa, e Associazione Genitori Scuole Rosatesi.
LE EMOZIONI DEGLI ERRORI_ QUANDO SBAGLIARE CONDIZIONA L’APPRENDIMENTO

03 Novembre 2016 – Serata informativa “COME RAGIONA L’INTESTINO”

Giovedì 03 novembre 2016, alle ore 20.30, presso l’Aula Magna dell’Istituto Comprensivo Roncalli sito in via Mons. Filippi n.7 ROSA’(VI), si svolgerà l’incontro :

come ragiona intestino_01

COME RAGIONA L’INTESTINO

Conversazione con Luciano Lozio

Farmacologo, Direttore del Centro studi di farmacologia e biofisica della nutrizione
di Burano di Molgora (Monza)

Che l’intestino rappresenti un nostro secondo cervello è noto da molto tempo. Recenti evidenze hanno rivalutato il ruolo dell’intestino riconoscendo alla variegata popolazione di microbi che lo abitano (microbiota) più funzioni non solo per le difese immunitarie ma anche sul funzionamento della mente in particolare sui meccanismi di controllo emozionale e di funzionalità cognitiva.

L’intervento del Dr. Lozio vuole fare il punto sui risultati delle più recenti indagini sulle funzioni e la “cura” del microbiota per migliorare il suo contributo a mantenere efficiente mente e cervello.

Introduce e modera:
Piergiorgio Miottello Neuropsichiatra Infantile
Direttore Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età Evolutiva di Rosà

Evento aperto a tutti. La partecipazione è gratuita

Iscrizione obbligatoria: info@neuroscienzerosa.it, telefono: 0424 582375

Iniziativa a cura del Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età Evolutiva di Rosà, in collaborazione con Istituto Comprensivo “Roncalli” di Rosà e Associazione Genitori
Scuole Rosatesi.
Con il patrocinio del Comune di Rosà Assessorato alla Cultura.

 

Venerdì 20 maggio – “Fiera dello sport “allo stadio di Rosà

 

2016-05-10 06:36:39

PROGRAMMA

ore 08:45
– Sfilata delle Classi
– Saluti alle Autorità

ore 09:15
– Inizio giochi

ore 12:00
– Termine Manifestazione

DIVISA

– Calzoncini
– Maglietta colorata del Plesso
– Bandana o cappellino

Sono invitati genitori, nonni e zii per applaudire i loro piccoli
(per permettere uno svolgimento ordinato e regolare della festa,
si chiede di sostenere i propri cari nei settori a loro assegnati)

Disegna quello che ti è piaciuto di questa giornata
e consegnalo alla tua maestra !
Il tuo disegno sarà esposto alla Manifestazione «Sportivamente Insieme»
del 25 settembre 2016 presso il Parco delle Rose di Rosà.
Se sarai fortunato, verrai estratto per un Premio.

In caso di maltempo la manifestazione verrà posticipata al 20 maggio

GIOCHI

Gioco Atletica
Percorso di Ginnastica Artistica
Ginnastica Ritmica
Percorso di Karate
Mini Basket
Mini Volley
Mini Hockey
Mini Rugby
Baseball
Scuola Calcio
Hip Hop
Yoga
Pesca
Percorso Vovinam
Ciclismo
Karting
Tiro alla fune
Ruba bandiera
Corsa con i sacchi
Palla avvelenata

PUNTO DISTRIBUZIONE ACQUA E MERENDE

Agli alunni di tutte le classi sarà gentilmente offerta acqua e merenda.

I Rappresentanti o genitori delegati, potranno ritirare il materiale per la propria classe nel punto di distribuzione presente all’interno dello stadio, dopo le ore 9.30.

Referenti di Associazione Genitori nel punto di distribuzione:

  • Allegro Chiara
  • Gastaldello Sonia
  • Securo Emiliana
  • Gusella Paola
  • Bizzotto Jenny

fiera dello sport 2016

PRIMAVERA A COLORI 2016

La grande festa per i diritti a Rosà quest’anno si svolge dal 29 aprile al 23 maggio.

pac2016_01

PRIMAVERA A COLORI ha lo scopo di far crescere l’attenzione per la tutela dei diritti dei minori. E’ un’occasione di confronto e riflessione sulle politiche di crescita, di educazione, di rispetto per le fasce di età che devono essere ascoltate per non essere emarginate.
Il tema di questa edizione è “IL VIAGGIO”.

Il luogo è sempre in centro del paese nel bel “Giardino delle rose”, in Via Schallstadt, ROSA’.

Ci sarà lo stand cucina sempre aperto durante le manifestazioni.

La novità è lo svolgimento in più date che comprendono anche colalborazioni per un dialogo sui temi forti del momento. Integrazione e violenza derivate dai grandi flussi di migrazione e gli attentati a sfondo etnico/religioso dove chi paga di più è l’infanzia.

pac2016_02

Cineforum, incontri e dibattiti con vere testimoninze di sofferenza faranno da sfondo ad una vera festa dui primavera con tutte le scuole impegnate a portare i loro laboratori in piazza domenica 15 maggio.

pac2016_04

La cena per raccolta fondi per gli sfollati siriani, il 12 maggio, e un bel concerto di melodie mediterranee con il gruppo misto euro-africa-asiatico, il 14 maggio, completa il calendario.

Progetto di educazione affettivo – sessuale “La strada del cuore 2016” – Scheda valutazione

Gentili famiglie,
alla conclusione del percorso fatto con gli alunni, scuola e famiglia, previsto per:

GIOVEDÌ 05 MAGGIO
ORE 20:30 – 22:30
PRESSO AULA MAGNA – SCUOLA SECONDARIA

viene chiesto ai genitori di compilare il modulo ricevuto in forma cartacea assieme alla richiesta di adesione, riportando le proprie opinioni e suggerimenti al fine di migliorare il progetto educativo.

Riproponiamo sotto la scheda di valutazione e la possibilità di scaricarla per un eventuale stampa.

Una volta compilata, e dopo l’incontro di giovedì 05 maggio, vi chiediamo di consegnarla alle insegnanti delle vostre classi quinte aderenti al progetto, entro

martedì 10 maggio.

sdc 2016-04-25

scheda_valutazione_sdc2016

10° Anniversario di gemellaggio – Viaggio a La Crau

Per il 10° anniversario di gemellaggio del Comune di Rosà con La Crau in Francia, viene proposto un week end in Costa Azzurra dove ci sarà modo di riscoprire il territorio, la cultura e l’amicizia dei nostri “gemelli” francesi e rafforzare il legame che unisce le nostre cittadine.

Per comunicare la vostra adesione potete scrivere una mail entro il 12 aprile 2016  a: dan.poggiana@gmail.com  o chiamare al numero 347.2301864 

Potete visitare anche la pagina Facebook: https://www.facebook.com/comitatogemellaggirosa/

locandina viaggio a la Crau 2016

la crau

 

 

21 APRILE 2016 – “I bambini con difficoltà di apprendimento imparano in modo diverso?”

Le difficoltà di apprendimento rappresentano un tema di grande interesse per chi vive il mondo della scuola: comprendere il modo e i tempi con i quali il proprio figlio apprende è fondamentale per predisporre un preciso piano di intervento che valorizzi punti di forza e potenzi quelli di debolezza.

“I bambini con difficoltà

di apprendimento

imparano in modo diverso?”

Incontro con il Dott. Renzo Tucci
Psicologo – Psicoterapeuta
del Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età Evolutiva di Rosà

Giovedì 21 Aprile 2016
20.30 – 22.30

Aula Magna Scuola Media “ Roncalli”

Via Mons. Filippi 7, ROSA’ (VI)

Verranno affrontati i seguenti temi:

  •  Apprendimento: un percorso specifico per ciascuno
  • Interventi abilitativi/riabilitativi/potenziamento
  • Metodo di studio strategico

PROGRAMMA

20.30 – 20.45 Saluto e presentazione del Relatore a cura del Dott. Piergiorgio Miottello, Direttore Sanitario del Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età Evolutiva di Rosà.
20.45 – 22.15 “I bambini con difficoltà di apprendimentoGiovedì 21 Aprile 2016
20.30 – 22.30 imparano in modo diverso?” Dott. Tucci
22.15 – 22.30 Discussione

L’incontro è gratuito.

Iscrizione obbligatoria: info@neuroscienzerosa.it; Tel.0424 582375

Iniziativa a cura del Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età Evolutiva di Rosà e Associazione Genitori Scuole Rosatesi.
In collaborazione con “Istituto Comprensivo Roncalli” di Rosà, Polo Apprendimento del Veneto, Anastasis e Associazione Culturale Pediatri “Jacopo da Po

Locandina Incontro 21 Aprile

Sabato 21 Novembre – Convegno “ Osservazione dello sviluppo della coordinazione motoria nei bambini da 3 ai 6 anni”

2015-nov-21_01

L’Associazione Genitori ed il Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età Evolutiva di Rosà presentano un convegno aperto a tutti e particolarmente indicato per gli insegnanti delle scuole d’Infanzia, intitolato :

Osservazione dello sviluppo della coordinazione motoria
nei bambini da 3 ai 6 anni

Sabato 21 novembre 2015
ore 14.30 – 18.30
ROSA’ (Vicenza)
Aula Magna Scuola Media “Roncalli”
Via Mons. Filippi 7

La coordinazione motoria rappresenta un’area di sviluppo che si interfaccia intimamente con altri percorsi evolutivi in particolare linguaggio, apprendimento e comportamento adattivo. Saper cogliere le caratteristiche e le fasi di sviluppo, costituisce un’importante occasione per riconoscerne l’originalità e sospettare l’eventuale presenza di possibili distorsioni al fine di attivare prontamente interventi specifici. Gli specialisti dell’età evolutiva ma anche insegnanti ed educatori dell’infanzia hanno oggi a disposizione un nuovo strumento di analisi della coordinazione motoria, validato su un campione di bambini italiani, che consente di raccogliere informazioni sensibili in tempi brevi (15 minuti) senza l’utilizzo di strumenti sofisticati o spazi troppo grandi. Durante il convegno, i curatori della standardizzazione italiana presenteranno in dettaglio il test ed alcune esemplificazioni video di come si possa utilmente applicarlo ai bambini della scuola dell’infanzia e del primo anno della scuola primaria.

PROGRAMMA
14.30 Saluto di benvenuto autorità
14.45 Introduzione ai lavori – Valentina Moro
Prima sessione: modera Stefano Pasquato
15.00 La coordinazione motoria: cos’è e come si sviluppa – Irene Toldo
15.30 I disturbi della coordinazione motoria (DCM): definizioni in movimento
Piergiorgio Miottello
16.00 Discussione

Seconda sessione: modera Claudia Munaro
16.30 La valutazione dei DCM: il test di Charlop-Atwel, uno strumento validato in Italia
per l’osservazione della coordinazione motoria per bambini da 3 ai 6 anni.
Roberta Colella – Gianfranco Quadri
17.30 La somministrazione del test: video esemplificativi
Coordinamento di Alberto Roman
18.00 Discussione
18.15 Considerazioni conclusive Bruno Ruffato
18.30 Conclusione dei lavori

RELATORI
Colella Roberta, Psicomotricista, Rovereto

Miottello Piergiorgio, Neuropsichiatra Infantile, Psicoterapeuta, Direttore Sanitario
del Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età Evolutiva di Rosà (VI)

Moro Valentina, Professore Associato di Psicobiologia e Neuropsicologia
Dipartimento di Filosofia, Pedagogia e Psicologia Università di Verona

Quadri Gianfranco, Psicomotricista, Brescia

Roman Alberto, Neuropsicomotricista, Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età
Evolutiva di Rosà (VI)

Toldo Irene, Ricercatore di Neuropsichiatria Infantile, Dipartimento salute della
donna e del bambino, Università di Padova

Pasquato Stefano Pediatra di famiglia, Cittadella (PD)

Ruffato Bruno Pediatra di famiglia, Vicenza

Munaro Claudia Referente provinciale disabilità, DSA e altri BES Ufficio VIII Ambito
Territoriale di Vicenza

Evento rivolto ai professionisti dell’età evolutiva, insegnanti e genitori.
La partecipazione è gratuita
Iscrizione obbligatoria: info@neuroscienzerosa.it; tel. 0424 582375
Organizzazione e segreteria scientifica:
Centro di Neuroscienze e Psicologia dell’Età Evolutiva
Via Capitano Alessio 20/b Rosà (Vicenza)
www.neuroscienzerosa.it
In collaborazione con:

  • Associazione Genitori Rosatesi,
  • Istituto Comprensivo “Roncalli” di Rosà.

Patrocinio:

  • Regione Veneto
  • Comune di Rosà
  • Dipartimento di Filosofia, Pedagogia, Psicologia Università di Verona
  • Associazione Culturale Pediatri Jacopo da Ponte di Bassano del Grappa.

Osservazione dello sviluppo della coordinazione motoria.pdf